Akira Toriyama e il suo mondo - www.dragonballnea.com
Home Toriyama e il suo mondo
Akira Toriyama e il suo mondo PDF Stampa E-mail
Scritto da PGV   
Domenica 09 Settembre 2012 19:00

Precisiamo subito che non staremo qui a scrivervi la solita barbosa biografia di cui tutti leggono le prime 3 righe per poi cambiare pagina. Abbiamo grande stima e rispetto per il maestro Toriyama, ma siamo qui per dirvi quello che nessuno ha mai voluto o saputo dirvi su di lui.

Akira Toriyama nacque nel 1955 nella prefettura di Aichi in piena guerra fredda. Anche se il Giappone, dopo la distruzione di Hiroshima e Nagasaki, non aveva più un ruolo fondamentale, la minaccia della guerra atomica e i racconti dei conflitti in se devono aver suggestionato la giovane mente del disegnatore. Tant'è che a tutt'oggi, pur dichiarando di detestare la guerra, ha la casa piena di modellini di veicoli militari, carri armati e aerei (segue foto della stanza in cui toriyama tiene le confezioni dei suoi modellini).


Il piccolo Akira visse comunque un'infanzia piuttosto serena e spensierata, i genitori lo incoraggiavano a studiare e ogni giorno c'erano innovazioni tecniche che scopriva e lo emozionavano. Da piccolo costruiva molti modellini in plastica ( si intende l'assemblaggio dei model kits generalmente di veicoli ), guardava alla TV Popeye (Braccio di Ferro per chi non lo sapesse) e i cartoni animati Disney. Fu poi alla fine l'opera di animazione targata Disney, la Carica dei 101, a determinare il suo colpo di fulmine verso il mondo dei disegnatori.

Ma più che dal punto di vista grafico/tecnico ( su questo argomento vedi l'articolo Lo sviluppo grafico di Dragon Ball dall'era analogica a quella digitale ), a noi interessa esplorare i meandri della storia di Dragon Ball e come Akira Toriyama sia stato influenzato da fattori esterni per plasmarla. Uno dei primissimi esempi è il maiale Oolong che veste la tuta militare della Cina comunista.

 

 

Toriyama era indubbiamente molto più affascinato dal mondo occidentale e dalle sue produzioni cinematografiche. In una delle sue interviste dichiarava:

"Entrato alle medie (scuole) [...] non leggevo quasi più fumetti e tutto quello che facevo era vedere film. Mi piacevano molto i film di mostri e andavo spesso in bicicletta fino a Nagoya per vederli. [...] Vedevo anche western e film di guerra e penso che le cose viste allora siano finite in qualche modo dentro Dragon Ball".

Ed effettivamente è andata così, possiamo di seguito vederne degli esempi molto evidenti.

 

A paragone i Saibamen e gli alieni mutanti Metaluna da "This Island Earth" ( 1955, diretto da Joseph M. Newman).

 

La somiglianza è impressionante. Toriyama deve averne visto da bambino in TV la trasmisione in giapponese qualche anno dopo. Per non farsi mancare nulla, nel secondo film di Dragonball Z si vedono delle creature (bio-men) ancor più simili:

 

 

Sul tema della "copiatura" Toriyama ebbe da dire quanto segue in una delle sue interviste:

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

SAPPIAMO CHE NEL SUO STUDIO NON CI SONO MODELLI. QUANDO HA DISEGNATO LE SUE PRIME SCENE DI LOTTA SI É ISPIRATO A QUALCOSA IN PARTICOLARE?

Bè... non mi ricordo molto bene, però posso dire che copiare dagli altri non è nel mio stile. [ride] É possibile che ricordino delle scene di lotta che ho visto tanti anni fa. In realtà, credo che siano i film a darmi degli spunti, mi è sempre piaciuto andare al cinema.

 

VEDE ANCORA MOLTI FILM?

No, veramente non vado al cinema da quando è nato mio figlio. Però ho registrato su videocassetta la maggior parte dei film stranieri che hanno trasmesso in TV, di qualunque genere essi fossero. Di solito metto su un film mentre lavoro, ma coi sottotitoli, altrimenti non riuscirei a disegnare. [ride] In questo modo posso lavorare, e quando dai suoni intuisco che sta succedendo qualcosa di interessante do un'occhiata. A volte ho davvero voglia di guardarmi un film, quindi lo guardo con attenzione, e in genere mi diverto già appena inizia.

 

QUALCUNO DI QUESTI FILM L'HA ISPIRATA PER DRAGONBALL?

No, non credo proprio. Generalmente, le loro tematiche non sono applicabili alla storia di DragonBall, però possono avermi ispirato nel modo di presentare le cose, nell'aspetto visivo. Per esempio, nel caso delle esplosioni, non è semplicemente "Boom!", ma prima si vede una luce, e il suono - "Boom!" - viene dopo.

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

Sia chiaro che non vogliamo qui sminuire l'opera di Akira Toriyama e contraddirlo gratuitamente, anche perchè siamo evidentemente suoi fan. Ma tra essere fan ed essere ciechi c'è differenza. Sopratutto dopo che avrete letto e visto quanto segue. Ora, c'è anche da precisare che personalmente non considero la copia, se fatta con criterio e personalizzazione, un male. Anzi, riunire elementi che richiamano ad altri elementi, altre storie, o mitologie, è pane quotidiano per i maggiori succesi televisivi e cinematografici. Non perchè siano "copie", ma perchè evidentemente l'autore ha fatto lo sforzo di cogliere la tendenza culturale di un mondo intero e unificare il tutto in un' unica opera. E scusate se è poco riunire leggende cinesi ( l'inizio di Dragonball è dichiaratamente ispirato alla leggenda dello scimmiotto di pietra), la mitologia sumera ( su questo vedi l'articolo Le verità celate in Dragon Ball ) e i maggiori successi cinematografici occidentali dell'epoca in un unica trama. Bisogna avere una mente geniale e una capacità di visione dell'insieme fuori dalla norma.

 

Senza ora soffermarci sugli elementi mitologici, sebbene siano di fondamentale importanza per comprendere integralmente l'opera, è bene precisare che durante lo sviluppo di Dragonball Toriyama ebbe modo di lavorare con tre diversi editori della Shueisha: Kazuhiko Torishima (prima serie di Dragon Ball), Yū Kondō (finale db - metà saga di Cell) e Fuyuto Takeda (finale saga di Cell - saga di Buu).

Yū Kondō

 

Girava un articolo su Internet anni fa, che parlava appunto di loschi figuri subentrati nell' ambito lavorativo di Toriyama alla fine della prima serie ( quando Piccolo comincia a parlare in Namecciano con Shen/Kami ) e durante l'intera saga di Freezer, nonchè nel suo primo seguito; introducentovi elementi persino satanistici ed esoterici ( su questo vedi l'articolo Messaggi subliminali in Dragon Ball ) . Non ci sembra un caso che quanto precedeva questa parte della storia (db) e quanto ne seguiva (saga di buu) abbia uno stile evidentemente diverso e più spensierato, molto più vicino al modo di essere di Toriyama stesso. Al contempo la stragrande maggioranza dei fan preferisce le saghe di Freezer e di Cell alle altre. Non si può non chiedersi il perchè.

Non vogliamo mettere in cattiva luce Yū Kondō come fece l'articolo citato poc'anzi, tuttavia se ci soffermiamo su questo personaggio scopriamo che potrebbe aver effettivamente influenzato in modo significativo Toriyama (a mio avviso in modo positivo), facendogli scoprire una visione più ampia della realtà, che il Tory ha inevitabilmente riversato come un fiume in piena nella sua storia. Toriyama ha ammesso che subconsciamente potrebbe essersi ispirato ai suoi editori per alcuni personaggi malvagi della serie, il che darebbe una conferma delle voci secondo cui Freezer sia ispirato proprio da Yū Kondō stesso. Il crescendo della prima parte di DBZ è qualcosa di indiscutibilmente sublime, fino all'apoteosi dello scontro contro Freezer. Qui per la prima volta il rapporto tra bene e male assume una sfumatura ambigua. Goku Super Saiyan fa paura, e il terrore che suscita trasforma Freezer in una piccola lucertolina indifesa di cui si può avere profonda compassione. Forse perchè Freezer rappresenta le debolezze della parte malvagia di ognuno di noi, forse perchè il messaggio che Yū Kondō ( o che Toriyama in base alle direttive di Yū Kondō ) voleva trasmettere andavano ben oltre le apparenze ( su questo vedi l'articolo Le verità celate in Dragon Ball ). Ricordiamo che Yū Kondō ha lavorato, oltre che a Dragonball, anche a Sket Dance ( in cui ci sono storie esoteriche di fantasmi provenienti dall'aldilà ) e a Blue Exorcist ( dove il figlio di Satana e di una donna usa i poteri ereditati dal padre per combatterlo ).

 

Torniamo ora però agli spunti cinematografici che hanno plasmato il mondo immaginario di Akira Toriyama. Segue una carrellata di esempi notevolmente evidenti.

Comparazione Star Wars ep. V (1980) e Dragonball (1984 - probabilmente il palazzo di Kami si vede per la prima volta nel 1986 )



Comparazione Superman (1978) e Dragonball Z (1990)



Comparazione King Kong Vs. Godzilla (1962) e Dragonball Z (1989)



Comparazione Star Trek (1966) e Dragonball Z (1989)



Comparazione Star Wars ep. V (1980) e Dragonball Z (1990)



Comparazione Star Wars ep. V (1980) e Dragonball Z (1990)



Comparazione Star Wars ep. V (1980) e Dragonball Z (1990)



Comparazione Superman (1978) e Dragonball Z (1990)



Comparazione Alien (1979) e Dragonball Z (1991)



Comparazione Superman II (1980) e Dragonball Z (1992)



Comparazione Terminator (1984) e Dragonball Z (1992)



Comparazione Star Wars ep. VI (1983) e Dragonball Z (1994)



Comparazione The Space Children (1950) e Dragonball Z (1994)



Comparazione Star Wars ep. V (1980) e Dragonball GT (1996)

 

Le immagini si commentano da sole, ma ci tengo a ribadire che questo articolo non intende assolutamente dissacrare Dragon Ball. In questa sede facciamo notare che a sua volta Star Wars è stato ispirato dai libri del Signore degli Anelli (antecedenti i film ), e a sua volta il Signore degli Anelli si è ispirato al mito dell'anello di Gige citato da Platone nel suo capolavoro filosofico, la Repubblica ( un pastore onesto che scopre un anello capace di renderlo invisibile e il quale lo porta a diventare malvagio, potendo agire senza essere visto e giudicato da nessuno ). Immaginate che percorso tortuoso ci sia dietro ogni cosa, e non mi stupirebbe se dietro al mito di Gige ci fosse qualche altra storia.


Nulla di quanto qui visionato è condannabile, prendetelo come l'apertura verso una visione più ampia dell'opera di Akira Toriyama, in veste di frutto di un' analisi culturale e rappresentazione del mondo occidentale dal punto di vista orientale. Un'opera visionaria in grado di cogliere al volo decenni di storia culturale del mondo reale, facendo riferimenti a miti e storie antiche sedimentate nelle coscienze del subconscio collettivo ( vedi Le verità celate in Dragon Ball ).

 

Avete trovato altri raffronti identici dai film? Inviate le immagini a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. e li pubblicheremo creditandovi col nickname da voi indicato!


Articoli correlati:

IN COSTRUZIONE

Condividi
 a
Ultimo aggiornamento Domenica 25 Ottobre 2015 11:20
 
Commenti (2)
II
2Sabato 14 Gennaio 2017 12:02
libba
IO GUARDEREI PIU I RIFERIMENTI ALLA STORIA E A FATTI ACCADUTI
Presto altri grandiosi contenuti
1Lunedì 17 Settembre 2012 15:36
PGV
Vi aspettano presto su dragonballnea.com altri articoli che vi lasceranno di stucco :D

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Titolo:
Commento:

Valid XHTML and CSS.